Mercoledì, 19 Giugno 2019
San Pietro hd

S. Pietro

COMUNICATO STAMPA DELLA DIOCESI E DELLA PROVINCIA DEI FRATI MINORI

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO DELLA DIOCESI DI CONCORDIA-PORDENONE E DELLA PROVINCIA RELIGIOSA DEI FRATI MINORI DEL VENETO-FRIULI VENEZIA GIULIA

I FRATI MINORI LASCIANO LA PARROCCHIA S. PIETRO DI CORDENONS

Ci sono decisioni difficili e sofferte, ma necessarie per rispondere alle situazioni che cambiano. Da tempo i Frati che compongono la Provincia francescana di S. Antonio si sono trovati di fronte all’esigenza di dover operare un ridimensionamento generale delle presenze in Veneto e Friuli Venezia Giulia. La carenza di nuove vocazioni e la riduzione dei Frati, a motivo dell’età avanzata, stanno costringendo a lasciare varie presenze sul territorio, per concentrarsi in luoghi maggiormente bisognosi di religiosi o di servizi significativi alla Chiesa locale.
Per queste ragioni, dopo aver operato un discernimento non facile al proprio interno, i Frati Minori hanno chiesto al Vescovo, Mons. Pellegrini, l’avvicendamento nella cura pastorale della Parrocchia S. Pietro Apostolo di Cordenons: i Francescani lasceranno la loro presenza in Cordenons alla fine dell’estate 2016 e sarà designato un nuovo parroco diocesano, prima dell’avvio del nuovo anno pastorale.
La decisione viene comunicata ora, con abbondante anticipo, affinché la comunità parrocchiale di S. Pietro di Sclavons possa per tempo prepararsi al cambiamento e la Diocesi possa organizzare nella maniera migliore l’avvicendamento.
La partenza della comunità francescana da Sclavons viene a interrompere una storia durata 92 anni. I Frati infatti arrivarono a Cordenons nel novembre del 1924, chiamati dal Vescovo di allora. La loro prima abitazione è stata una umile casetta accanto all’antica chiesa di S. Pietro, nel borgo di Sclavons. Il borgo affidato alla cura pastorale dei Francescani contava oltre 3.000 fedeli e non era ancora costituita la Parrocchia. In seguito, il 17 marzo 1952, il Vescovo Vittorio De Zanche istituiva la parrocchia S. Pietro Apostolo. Poiché la chiesetta di Sclavons era troppo piccola per contenere le persone, nel 1933 si diede inizio alla costruzione della nuova chiesa. La costruzione, interrotta per anni a motivo della guerra, venne ultimata nel 1968 e l’anno seguente anche la comunità dei Frati andava ad abitare un locale accanto alla nuova chiesa. Durante la costruzione della chiesa si pensò anche a dotare la parrocchia delle strutture necessarie per le attività varie. E così negli anni la parrocchia si è arricchita di varie strutture: il cinema parrocchiale, la casa del fanciullo, il campo sportivo, la palestra, la scuola materna.
La parrocchia di Sclavons è andata sempre più crescendo di numero e di qualità nella pastorale, nella animazione dei bambini e dei ragazzi, nelle proposte per i giovani, arrivando a proporsi come comunità parrocchiale matura e dotata di continue e sorprendenti iniziative come: i gruppi associativi, i ministranti, la corale, il coro dei piccoli, i gruppi musicali e sportivi, i campi scuola, ecc… Tra le iniziative della parrocchia la ormai famosa sagra di S. Pietro permane come affermazione della intraprendente vitalità di Sclavons.
Ma la presenza dei Frati a Cordenons non si è caratterizzata solo per la cura pastorale della parrocchia. La vita a contatto con la gente, l’accoglienza semplice di chi cerca aiuto spirituale o materiale, la questua di qualche frate che andava di casa in casa e altre presenze buone tra i Francescani che sono passati per Cordenons, hanno segnato in modo speciale il territorio al punto che la gente ama i Frati e li ritiene come parte del tessuto sociale che costituisce la realtà ormai numerosa di Sclavons che ora conta più di 7.000 abitanti.
Con i Frati è maturata e cresciuta anche la sensibilità missionaria della parrocchia e del territorio. Un particolare e stretto legame, da decenni ormai, impegna la parrocchia verso la Guinea Bissau in Africa. Raccolte, spedizioni, invio di volontari e lavoro hanno realizzato cose sorprendenti in quel paese povero di mezzi ma ricco di risorse umane.
La presenza dei Frati Minori a Cordenons è stata una benedizione per lungo tempo. La loro partenza dovrà motivare maggiormente la parrocchia a continuare e far crescere il bene ricevuto.
La Diocesi si impegna a dar seguito alla ricca attività pastorale della Parrocchia, secondo lo stile dell’accoglienza e della prossimità vissuto dai Francescani, individuando sacerdoti che assumano la cura pastorale nella continuità della collaborazione con i laici che in questi anni hanno fortemente sostenuto i Frati nel loro apostolato.

+ GIUSEPPE PELLEGRINI, VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE

FR. MARIO FAVRETTO, MINISTRO PROVINCIALE DEI FRATI MINORI DEL VENETO-FRIULI VENEZIA GIULIA

MANDATO MISSIONARIO

Domenica 17 gennaio alla S. Messa delle 11.00, sarà consegnato il TAU, il crocifisso in legno caro a S. Francesco,
ai missionari laici che si recheranno
nella missione di Nhoma in Guinea Bissau
per un periodo di volontariato.

MANDATO RID

Il crocifisso li accompagnerà durante tutto il viaggio e la permanenza in Africa, a testimonianza del mandato ricevuto dalla nostra comunità a collaborare e sostenere le opere
di promozione sociale promosse dalla chiesa locale.


Essi sono: Andrea Spadotto, Lory Martignago con suo padre Giuseppe, Stefano Rizzetto, Enea D’Andrea, Armando Dalla Torre
con suo fratello Giorgio, Giorgio Lena e p. Marco.

Per una Chiesa in uscita,
missionaria ed evangelizzatrice
.

Sottocategorie

Chi Siamo

PARROCCHIA SANTA MARIA MAGGIORE

Piazza della Vittoria 45 - 33084 Cordenons

Tel: 0434.930055

PARROCCHIA SAN PIETRO APOSTOLO

Via Sclavons 113 - 33084 Cordenons

Tel: 0434.40030

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.