Venerdì, 24 Maggio 2019
San Pietro hd

S. Pietro

La Lunga Notte delle Chiese

 

La Lunga Notte delle Chiese

Venerdì 8 giugno alle ore 20:30 nella nostra chiesa di San Pietro , incontro di testimonianza sul cammino di Santiago.

Chiusura Oratorio

Per allestire la Sagra di San Pietro, l’oratorio rimarrà chiuso dal 4 giugno fino al 9 settembre.

 

 

Processione del Corpus Domini

Come consuetudine tuttigli 83 bambini della Prima Comunione si ritroveranno, giovedì 31 maggio alle ore 20:30 S. Messa,in occasione della Solennità del Corpus Domini,presso la nostra chiesa di San Pietro Ap., assieme a quelli delle altre parrocchie dell’Unità Pastorale di Cordenons; a seguire la processione verso la chiesa di S. Maria Maggiore.

Ogni bambino porti un cesto con petali di fiori da spargere durante il percorso.

Domenica 13 maggio

 

alle 11:00Messa di Prima Comunione (2° turno).

Come di consuetudine tutti i bambini si ritroveranno, giovedì 31 maggio,in occasione della Solennità del Corpus Domini alle ore 20:30 presso la chiesa di San Pietro Apostolo, assieme a quelli delle altre parrocchie dell’Unità Pastorale di Cordenons.

 

Oggi domenica 6 maggio

 alle 11:00 Messa di Prima Comunione (1° turno).

 

Messaggio di auguri di p. Marco Gallo alla Parrocchia di Sclavons

nel giorno del 50° di consacrazione della chiesa

Eccellenza Mons. Giuseppe Vescovo,

caro don Ivano e carissimi parrocchiani di Sclavons,

avrei voluto condividere con voi, con gli altri sacerdoti e con i confratelli frati la gioia dell’anniversario della cara parrocchia. Purtroppo la mia adesione a un pellegrinaggio in Terra Santa decisa a Natale mi porta ad essere presente tra voi solo con la preghiera e il ricordo dai luoghi dove Dio ha preso la nostra carne mortale. Ed è proprio dalla Basilica di Nazaret, dove si contempla il mistero dell’incarnazione di Gesù nel grembo di Maria, che prende spunto il mio augurio per la vostra ricorrenza di oggi. Qui a Nazaret, riascoltando nella Messa celebrata nella grotta la famosa pagina dell’Annunciazione a Maria, tre verbi mi suggeriscono l’augurio per voi oggi: RALLEGRARSI - ALZARSI - STARE.

RALLEGRARSI: “Il Signore è con te, Maria! Non temere…” Come a dire: “Sei la sempre infinitamente amata”. E’ questo il motivo che porta e dona gioia: la certezza dell’amore di Dio, anche per noi. Rallegrati, dunque, cara Comunità di S. Pietro, perché Dio in questi 50 anni ha continuato a mostrare la sua amorevole e dolce presenza non solo nelle belle celebrazioni in chiesa, ma anche tra le mura domestiche, al lavoro, in tante persone semplici, generose, mansuete e dal cuore buono...

ALZARSI: “Maria si alzò in fretta…”. Se imitiamo Maria non possiamo rimanere a braccia conserte, lamentandoci solo o scansando le fatiche. Non si tratta di grandi cose, ma di fare tutto con tenerezza e misericordia. Si tratta di educarci alla prossimità e a “vedere con il cuore” le necessità degli altri; di non lasciarci contagiare dal virus dell’indifferenza. Anche noi siamo chiamati ad essere solleciti e vigili nella carità come fece Maria verso sua cugina Elisabetta.

STARE: In questo tempo in cui si scartano i valori duraturi e tutto è mutevole, in cui sembra dominare la paura per gli impegni a vita, Maria ci incoraggia ad essere persone costanti nell’operare il bene, a mantenere la parola data, onorando i grandi “SI” pronunciati nei momenti in cui abbiamo preso decisioni. Ci insegna a non piegarci alle mode fluttuanti, ad opporci al compromesso e al ribasso.

Cari amici,

Vi abbraccio tutti e vi incoraggio perché questo anniversario rinfranchi i gruppi parrocchiali nel camminare in comunione col vostro parroco sulla via del bene.

Auguri e buona festa!

                                         Fr. Marco.

 

 

Chiediamo ai nostri santi, la Vergine Maria, S. Pietro Ap, S. Antonio ab. e S. Giovanna d’Arco che intercedano per noi e ci accompagnino nello spirito di comunione a un rinnovata Pentecoste dello Spirito nelle nostre terre cordenonesi.

 

 

Allora aprì loro la mente per comprendere le Scritture.

"Di questo voi siete testimoni": è questo nostro compito, il compito della comunità dei credenti, la Chiesa. Di essere "testimoni", cioè segno visibile della vittoria di Ge-sù sulla morte. Se Lui ha vinto la sua morte, allora è il Signore e la nostra morte non è la fine, non è l’ultima parola. Al di là della porta buia della nostra morte fisica non c’è una caverna oscura, fredda, penosa e senza fine, ma il Risorto che ci at-tende come misericordia e salvezza.

  

 

Otto giorni dopo venne Gesù

a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!».

 

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Domenica 22-04-18  IV di Pasqua.pdf)Domenica 22-04-18 IV di Pasqua.pdf 588 kB
Scarica questo file (Domenica 15-04-18  III di Pasqua.pdf)Domenica 15-04-18 III di Pasqua.pdf 688 kB
Scarica questo file (Domenica 08-04-18  II di Pasqua.pdf)Domenica 08-04-18 II di Pasqua.pdf 765 kB

Pasqua 2018

PASQUA DI RISURREZIONE

…NON E’QUI, E’ RISORTO! ALLELUIA!

L’annuncio della Pasqua risuona quest’anno proprio all’inizio del mese di aprile: Cristo è risorto, egli vive al di là della mor-te, è il Signore dei vivi e dei morti. In lui ci viene offerta la vita nuova con la certezza che non sarà distrutta e sarà per sempre. Con la morte e risurrezione di Cristo è vinto il pecca-to, abbondano la grazia e la misericordia. La Chiesa, nata dalla Pasqua, custodisce questo annuncio e lo trasmette ad ogni generazione testimoniandolo con la propria vita di co-munione e di servizio. La Pasqua è principio di speranza piantato nel cuore dell’uo-mo e del mondo, che nulla e nessuno può più strappare. E’ questo il forte invito che l’apostolo Paolo rivolge a Colossesi: "siate irremovibili nella speranza del Vangelo". L’uomo cerca la speranza come ossigeno necessario per il respiro dell’anima. Può succedere, nei vari tornanti della vita, che ogni nostro impegno ci sembri vano; pos-siamo sperimentare difficoltà e delusioni nelle relazioni, scoprirci incapaci di chiede-re e ricevere conforto e sostegno, ci sentiamo avvolti da una cappa di sconforto e la stessa speranza sembra perdersi. Ma, come scrive i Catechismo della Chiesa Cattoli-ca: "La virtù della speranza risponde all’aspirazione alla felicità che Dio ha posto nel cuore di ogni persona (…) salvaguarda allo scoraggiamento, sostiene in tutti i mo-menti di abbandono, dilata il cuore nell’attesa della beatitudine eterna, preserva dall’egoismo e conduce alla gioia della carità", proprio perché essa affonda le radici nella fede e si manifesta nella carità.

Non scoraggiamoci allora se il macigno della solitudine, della miseria, della malattia, dell’odio, della disperazione, del peccato è all’imboccatura della nostra anima, per-ché il Signore risorto continua anche oggi ad avere la forza dirompente di far rotola-re via quel macigno di incubi per iniziare una nuova primavera di rapporti nuovi fon-dati sulla fede, la speranza e soprattutto la carità……e il miracolo della Pasqua anche quest’anno si ripeterà.

PREGHIAMO: Guida, o Signore, i nostri passi molto spesso stanchi e appesantiti dal nostro pessimismo; rendi nuovo ogni nostro cammino lungo il percorso che conduce a te, porto sicuro del nostro vivere, aiutaci a guardare le cose e gli eventi alla luce della tua eterna novità: la novità di Risorto!

BUONA PASQUA a tutti.                                          Don Ivano

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Domenica 01-04-18  Pasqua.pdf)Domenica 01-04-18 Pasqua.pdf 663 kB

Sottocategorie

Chi Siamo

PARROCCHIA SANTA MARIA MAGGIORE

Piazza della Vittoria 45 - 33084 Cordenons

Tel: 0434.930055

PARROCCHIA SAN PIETRO APOSTOLO

Via Sclavons 113 - 33084 Cordenons

Tel: 0434.40030

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.